IN GIRO PER IL MONDO

PERSONAGGI POLITICI

MANIFESTANDO

IL MOVIMENTO FEMMINISTA

LA DONNA E LA MACCHINA

ROMA SCOMPARSA

IL MONDO DEI VINTI

PAMPA GRINGA

PROTAGONISTI DELLA CULTURA

TRA CANI E GATTI

MOSTRE PERSONALI

Portogallo: immagini di una rivoluzione

Torino, 1974

Reportage a caldo. Immagini che scottano. (…) L’obiettivo dell’ Agosti è un occhio pieno di simpatia, rifiuta consapevolmente i fronzoli. Gli eventi urgono. Sono la risposta eccitata da una lunga attesa. Ma non sempre può dimenticare che l’immagine fotografica è anche espressione d’arte, almeno come scelta.

Luigi Carluccio

Immagine del mondo dei vinti

Cuneo, 1978. Sasso di Castalda, 1979. Buenos Aires, Rosario, Salta (Argentina) 1985. Cordoba (Argentina) 1987. Guardia Sanframondi, 1987. Las Varillas, 1987

Alla fine degli anni Settanta, dalle valli del cuneese, nel “profondo Nord” dell’Italia contadina, la testimonianza fotografica di un secolare destino di miseria, fame, solitudine, ispirata al bellissimo libro di Nuto Revelli.

La donna e la macchina

Viareggio, 1983

Sono immagini attuali. Il corpo, la solitudine, la quotidianità dei gesti sembrano ripetersi con una uniformità quasi distruttiva di facce e corpi differenti.

Licia Donati Perelli

Firmato donna

Roma, 1984

Fotografando le cinquantasei scrittrici italiane esposte in questa mostra all’inizio temevo d’infrangere l’intimità delle loro case e troppa era l’emozione di incontrare autrici di cui avevo letto tanto (…). Di loro spero non avere illustrato solo la statura artistica ma anche quella umana.

Dal Piemonte al Rio de la Plata

Torino, 1988. Buenos Aires, 1989. Milano, 1989

Paola Agosti ci racconta, col suo modo semplice ed estremamente efficace, diretto e pieno di vivacità, le tappe di un suo viaggio, senza dubbio più sentimentale che analitico, dai contadini delle Langhe agli immigrati italiani in Argentina.

Giuseppe Turroni

Donne

Perugia, 1989. Montreal, 1990

Ripercorrere visivamente attraverso le magnifiche immagini scattate da Paola Agosti i tempi dell’occupazione di via del Governo Vecchio a Roma, delle manifestazioni per l’aborto, della gioia e dell’euforia di quelle prime giornate della donna, fa venire i brividi. Come sembrano lontani oggi la mobilitazione di allora (…) i lunghi cortei per le città con slogan e striscioni, le carrozzine, i bambini (…).

Anna Lia Sabelli Fioretti

Pampa gringa

Torino, 1990. Las Varillas (Argentina), 1991

Paola Agosti ritorna in Argentina per fotografare i nostri immigrati, i loro figli e nipoti. Questa volta abbandona la città per esplorare la “Pampa gringa”, immenso triangolo di pianura compreso tra le province di Córdoba, Santa Fé, Rosario, che gli stranieri - piemontesi, altri italiani, svizzeri, tedeschi, tutti “gringos” - iniziano ad abitare, coltivare, trasformare, dalla seconda metà dell’ Ottocento.

Nicoletta Casiraghi

Solitario y final

Torino, 1991

Foto che testimoniano, forti, sobrie. Lontane dall’ironia, dal pittoresco o dal sentimentalismo facile. Come già abbiamo notato in altri lavori della talentuosa italiana, la sua cifra è la distanza rispettosa, l’emozione contenuta.

Sara Facio

Un mondo lontano

Milano, 1991

(…) “Cavour”, “Nuevo Torino”, “Piamonte”, “Silvio Pellico”, paesi di poche centinaia di abitanti, in grande maggioranza nati in Argentina da nonni o genitori piemontesi. (…) Non sono trionfali questi ritratti: mostrano rughe e mestizia, ma sempre la serena fierezza di chi, contando sulle proprie energie, sulla propria tenacia, più forte di ogni avversità, può ringraziare soltanto sè stesso.

Nicoletta Casiraghi

Mundo perro

Roma, 1993. Ischia, 1995

Guardando all’occhio amorevole, alla curiosa tenerezza, che unitamente alla sua professionalità, ha animato il lavoro di Paola Agosti, possiamo dedurre che il lavoro qui proposto non è affatto distante dagli altri della fotografa, la quale in ogni occasione impegna le sue capacità di indagine psicologica, di prontezza per cogliere l’essenza di ciò che registra.

Barbara Tosi

Gatto ci cova

Roma, Torino, Milano, 1995

Igor Stravinskij si fermò in campo San Giovanni e Paolo a Venezia per osservare alcuni gatti e si rivolse a loro in russo. Il gondoliere che l’accompagnava gli chiese come mai. “Non ti preoccupare, Memo, i gatti capiscono tutte le lingue”.

L’isola delle donne

Montecatini, 1996. Roma, 1998

Nell’estate del 1995 sono tornata a Cuba dopo ventisette anni. (…) Queste fotografie non sono altro che gli appunti di un viaggio intrapreso con un occhio di particolare riguardo all’universo femminile, in quell’isola dei Caraibi, che mi piace ribattezzare l’isola delle donne.

Caro Cane

Milano, 1997

Le fotografie di Paola Agosti (…) sono piccoli bozzetti narrativi in cui cani di varie razze e paesi rappresentano la dimensione domestica del rapporto con gli animali. Qui sta il loro fascino e la tenerezza perché evidenziano il piccolo grande mistero del colloquio tra due diverse specie viventi.

Francesca Pasini

Entre chiens et chats

Montpellier, 1999

Il fatto che i soggetti rappresentati siano cani (e gatti) diventa una sorta di dato di cronaca, in quanto ciò che si para dinazi a noi sembrano essere le condizioni dell’esistere.

Barbara Tosi

Come eravamo. Il movimento delle donne nelle immagini di Paola Agosti, 1974-1982

Torino, 2004. Biella, 2009

Dalla metà degli anni Settanta all’inizio degli anni Ottanta del secolo scorso Paola Agosti è testimone, dietro l’obiettivo, delle battaglie per l’emancipazione femminile. I cortei e gli striscioni, i sorrisi e la rabbia di allora, sono riproposti come il diario di una generazione di donne in lotta, animate da una grande speranza collettiva.

Anna Lia Sabelli Fioretti

El Paraiso: entrada provisoria

Torino, 2011

L’Argentina per gli italiani non è una terra straniera, è un destino, che ha vinto l’assenza di una connessione geografica.

Ludovico Incisa di Camerana

MOSTRE A CURA DI PAOLA AGOSTI

Volto d’Autore

Novanta scrittori fotografati da P. Agosti, L. Battaglia, G. Borgese, F. Giaccone, F. Scianna, F. Zecchin

Torino, 1988. Francoforte, 1988

Nel bianco e nero del passato le immagini dei sei fotografi colmano un vuoto della cultura presente: rappresentano un censimento sinora mai eseguito con altrettanta completezza, formano un'antologia mai sinora raccolta, costituiscono l’inventario mai fatto delle facce della letteratura italiana contemporanea.

Lietta Tornabuoni

L’Italia fuori d’Italia

Immagini di emigrazione.
con Maria Rosaria Ostuni
Fotografie di P. Agosti, E. Bazan, T. D’Amico, L. Fioroni, U. Lucas, V. Pietropaolo

Roma, 1988. Montreal, 1990

Il competente realismo delle curatrici di questa mostra fotografica è riuscito a dare, del grande evento dell’emigrazione, l’immagine più umanamente semplice e veritiera. In una parola risalta, come filo conduttore, la temperie (gentile nei rapporti umani, ferrea nell’impegno di lavoro) di cui l’Italia dell’emigrazione, da un secolo, va dando prova al mondo e nel mondo.

Giovanni Falchi

Francesco Agosti - lo sguardo discreto di un fotografo piemontese

con Marina Miraglia, Charles-Henri Favrod e Maria Francesca Bonetti

Torino, 1998. Roma, 1998. Losanna, 1999

Formatosi nel clima art nouveau della Torino debut de siècle, Francesco Agosti è stato personaggio quanto mai emblematico e rappresentativo del difficile passaggio da una concezione ancora romantica e “pittorica” del fare fotografia ad una visione e ad un uso decisamente proiettati in direzione moderna e contemporanea.

Marcella Ghio

Giorgio Agosti - Le quotidiane virtù dell’Italia civile (1910 - 1992)

Torino, 2004. Torre Pellice, 2005

Nella mostra, realizzata in occasione dell’intitolazione dell’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea a Giorgio Agosti, la figlia Paola ha ricostruito un itinerario pubblico e privato della vita di suo padre attraverso fotografie, oggetti, lettere e documenti conservati negli archivi familiari per quasi un secolo.

Bobbio e il suo mondo.
Storie di impegno e di amicizia nel ‘900

con Marco Revelli

Torino, 2009

La mostra ricostruisce la figura di Norberto Bobbio nel suo mondo e nella rete di relazioni con le personalità più rilevanti della cultura del Novecento. Il percorso espositivo attraversa gli anni della formazione, dallo storico liceo d’Azeglio, all’università, all’antifascismo, al Partito d’Azione e giunge alla nascita e al consolidamento della Repubblica.

Bobbio e il suo mondo

con Paolo De Robertis

Torino, 2009

Quarantadue stendardi appesi in via Po a Torino raccontano il pensiero di Norberto Bobbio attraverso le sue parole e le immagini del “suo mondo”.

MOSTRE CON GIOVANNA BORGESE

Mi pare un secolo

Ritratti e parole di centosei protagonisti del Novecento

Torino, Milano, Parigi, 1993. Londra, Edimburgo, Clermont-Ferrant, 1994. Comiso, 1995. Labruguière, 2001

(…) viene in luce in questa esposizione un’articolazione di pagine di fotografia di una società intellettuale in via d’estinzione che l’Agosti e la Borgese hanno saputo “trattenere” in documenti tutt’altro che neutrali (…) dalla loro capacità poetica e di ricerca nasce questo lavoro magico-esplorativo svolto sempre con commossa passione.

Paolo Levi

Il volto delle parole

Parigi, 2002. Monza, 2007. Cuneo, 2012

Molti sono i volti famosi che le immagini delle nostre fotografe hanno colto nel tempo con verità e preziosa discrezione. (…). È questa una sequenza impressionante di personalità eccelse dagli sguardi lucidissimi, che il mondo dovrebbe meglio conoscere (…).

Alberto Crespi

MOSTRE CON ZOLTÁN NAGY

Egy magyar Olaszországban, egy olasz a nagyvilágban

Kecskemét, 2001

“Lo sguardo di un ungherese sull’Italia, lo sguardo di un’italiana sul mondo”. (…) Ascoltate, guardate come suonano queste due personalità così diverse, con vibrazioni differenti, ma cantando la stessa melodia, il bel canto di una fotografia umanista, centrata sull’uomo, non manipolata, classica nel suo bianco e nero.

Kincses Károly

Grand Tour

Budapest, 2002. Sestri Levante, 2010

È davvero un Grand Tour di questi anni nell’Italia più genuina la mostra di Paola Agosti e di Zoltán Nagy. Un viaggio che aiuta a capire attraverso i piccoli eventi la vita degli uomini.

Corrado Stajano